L’evoluzione della politica in Veneto

Quello che molti quotidiani stanno evidenziando nelle ultime settimane è l’ascesa di una nuova forza politica in Veneto che sta contagiando davvero tutti, compresi grandi imprenditori, Parlamentari e Sindaci.

Una forza politica, quella del Partito dei Veneti, già soprannominata partito dell’investimento, perché mira a costruire la classe politica Veneta del futuro.
Nato dall’aggregazione di partiti indipendentisti ed autonomisti, il Partito dei Veneti in poco tempo è diventato la “casa” di molte figure civiche che hanno visto nel PdV un partito proiettato ad abbracciare il centro destra e pronto, pur schierato all’opposizione, a dialogare con la Lega per il bene del Veneto.

Molti obiettivi ci accomunano a Zaia, uno tra tutti è il conseguimento dell’autonomia che più di due milioni di persone hanno espresso con il voto del referendum del 22 ottobre 2017. Un’autonomia che avrebbe più possibilità di essere attuata quando il Partito dei Veneti entrerà con una sua prima e significativa rappresentanza in consiglio Regionale, confrontandosi positivamente con la Lega anche dall’opposizione, anzi probabilmente il messaggio diventerebbe ancora più forte se maggioranza e opposizione si schierassero dalla stessa parte.

Siamo una realtà politica giovane e dinamica, già molto forte nella mia provincia, svincolata dalle figure della politica passata e dal condizionamento dei partiti centralisti, ma pur sempre sostenuta e aiutata da consiglieri regionali, personalità di spessore del mondo giuridico ed accademico pronte a consigliarci e Sindaci preparati con i quali confrontarci ogni giorno per poter amministrare al meglio il nostro territorio.


Finalmente i Veneti avranno un vero partito Veneto nel quale rispecchiarsi e con il quale far sentire la loro voce nel rispetto e nella perseveranza degli obiettivi di governo territoriale.

Daniel Basso
Coordinatore Provinciale di Venezia
Partito dei Veneti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.